Cerca nel blog

domenica 30 ottobre 2011

Tanti auguri a meeeee...

Non sono io che compio gli anni,
il titolo riporta in diretta le parole canticchiate da piccolo M "lo smilzo"
che non ha ancora smesso di ripeterle.
Che dire...
le feste piacciono anche a lui!
Se poi è sua
e così piena di regali
e così piena di colori
e soprattutto così piena di dolci (da qui il soprannome "lo smilzo")
A N C O R A   M E G L I O !
Ci sta dentro alla grande.
Ed ora
F O T O !









Niente castelli stavolta,
e niente scatole di cartone trasformate.
Qualcosa di più semplice e veloce, ma allegro e coloratissimo.
Solo cartoncino colorato e feltro per le girandole
e gli amati palloncini
(so fare anche le forme, 
ma i miei figli li vogliono sempre solo così!).

La frase, rubata dal libro "Tanti auguri, Marcello"
è semplicemente stampata e incorniciata.

E lasciatemelo dire:
che bella festa,
quando ci sono le persone amate!


giovedì 27 ottobre 2011

Di fasciatoi, di gommapiuma e altre splendide storie


Ma quanto sono brutti i fasciatoi di plasticaccia?
Mi riferisco a quelli brutti brutti, 
con la copertura, dove si appoggia il bambino,
di appiccicosissima e/o freddissima plasticaccia.
Brutti vero?
Il loro "ripieno" è di semplice gommapiuma.
E poi un giorno succede che la plasticaccia si rompe, 
presto e facilmente
e il ripieno di gommapiuma fuoriesce.
E il tutto è ancora più brutto.
E presto anche inutilizzabile.
Ma io ce l'ho, 
ce l'ho l'orrendo fasciatoio, 
per questioni di spazio 
(dovevo farlo incastrare sopra il bidet)
e anche per questioni di prezzo.
Ora guardate le foto e domandatevi:
Cosa c'entra tutto questo discorso con il bellissimo cuscino colorato in stoffa Ikea su panca Ikea?
Semplice.
Almeno la gommapiuma fuoriuscita dal fasciatoio
ho potuto riutilizzarla come interno di questo allegro cuscino.
La misura era perfetta.
Evviva!
Ho dovuto cambiare il top del fasciatoio,
ma la mia cucina così è più accogliente.

lunedì 24 ottobre 2011

Silhoutte... mon amour

Emergenza rientrata.
Ho ritrovato la macchina fotografica.
Perdo tutto.
Ma prima - o poi
lo ritrovo.
Finalmente ho potuto fotografare il mio ultimo progetto,
fermo da tempo e finalmente ultimato
grazie al fatto che in televisione la sera 
non fanno niente d'interessante (ve ne siete accorti?).
Avevo i disegni da tempo, 
ma dovevo riportarli su carta da parati 
e non l'avevo ancora fatto.
In cameretta ho fatto largo uso di carta da parati, 
ma il rotolo è ancora luuuuungo,
e una parete è ancora vuoooooota.


E ho una certa passione per le silhoutte,
una linea che crea, un vuoto che si riempie di realtà.
Sembra così semplice,
ma su internet ne ho dovute studiare tante prima di trovare i disegni di mio gradimento.


Infine, eccoli


Cosa ne dite? Sto ancora scegliendo se metterli tutti 
in cornice nera o turchese e in che ordine appenderli,
qui li vedete semplicemente appoggiati 
alla libreria del soggiorno.

 Geco and F.
Ho usato:
  • Carta da parati
  • Cornici Ikea Nyttja
  • Cutter
  • Modellini disegnati in precedenza su foglio bianco
  • Un cartoncino nero per lo sfondo delle silhoutte
Se trovate su internet animaletti simili è possibile che abbia copiato la silhoutte da lì, in questo caso fatemi la cortesia di segnalarmelo, sinceramente è passato molto tempo, avevo navigato molto e avevo messo insieme varie forme animalesche.


lunedì 17 ottobre 2011

Poesia


Voi non amate gli aquiloni?

Non è una chimera

La famiglia "del mulino bianco" esiste davvero.
Per la precisione, è la mia.
Solo che è a scadenza.
Dura circa 15 secondi, la mattina appena svegli,
e solo se è stata una notte di quelle che s'è dormito (poche).
E solo se non ci si è riaddormentati dopo il suono della sveglia
(ho provato anche ad allontanarla, ma mi alzo, la spengo, ritorno a letto e mi riaddormento all'istante - e poi non ricordo nulla - e, giuro, sono astemia).
Perchè in questo caso, se ci si è riaddormentati, è davvero troppo tardi anche per i 15 secondi.
Comunque esiste, siamo noi.
A volte capita che si ripresenti la sera,
se è stata una bella giornata,
se il papà non rientra troppo tardi,
se c'è un po' di musica giusta per ballare
o se il suddetto papà prende in mano la chitarra.
E tutto il resto è vita.
E la amo, mulino bianco o no.
Grazie famiglia!



giovedì 13 ottobre 2011

Leggeri... nel vestito migliore

Non c'è burro,
non ci sono uova,
non c'è zucchero
EHM
sicura che sia un dolce?
Sì, ma leggero!
Una fantastica ricetta a cui sono molto affezionata perchè mi è stata insegnata da una persona speciale in una delle mie permanenze nella meravigliosa terra peruviana http://xgioco.blogspot.com/2011/09/sono-diventata-pigra.html

FAGOTTINI DI MELE E CANNELLA
Per la pasta:
  • 300 gr di farina
  • 6 cucchiai di olio d'oliva
  • mezzo bicchiere di latte
  • 1 pizzico di sale
mettere il latte nell'olio con il sale e aggiungere poco a poco la farina.
Impastare bene e a lungo, finchè la pasta diventa elastica
(ma ho provato con il mio robot e il risultato è stato comunque perfetto  - si sa, i tempi sono sempre moooolto stretti).
Stendere la pasta e tagliarla in quadratini di circa 7-8 cm di lato.

Per il ripieno:
  • una mela golden
  • biscotti secchi sbriciolati (ma anche no)
  • cannella in polvere al gusto
  • miele
Mescolare i dadini di mela ai biscotti e alla cannella.
(ok, questo è un passaggio veloce)
Adesso arriva il bello (e meno veloce):
su ogni quadratino spalmare un cucchiaino di miele,
aggiungere il ripieno e richiudere unendo in alto i quattro lembi, no, angoli, no, spigoli (ma come ve lo spiego? Guardate la foto, forse è meglio!).
A questo punto infornare a 180 gradi per mezz'ora (che poi lo sappiamo tutti che dipende dal forno, quindi appena la pasta è dorata spegnete, prima che sia troppo abbronzata).
L'ideale è spargere zucchero a velo sopra quando i fagottini saranno freddi, e se siete tipi "speziati" mescolatelo con un po' di cannella prima di far nevicare!
Godeteveli con un buon the: sono davvero L E G G E R I !

























Dimenticavo, nelle foto appaiono accanto ai cupcake... il mio è un vizio! http://xgioco.blogspot.com/2011/10/and-my-second-third-fourth-cupcake.html

mercoledì 12 ottobre 2011

Finalmente!

E' stata usata nell'ordine:
  • come sciarpa
  • come tappeto
  • come corda per il tiro alla fune
  • come coperta
  • come lenzuolo da fantasma (ma era un po' stretto)
Poi ieri, F I N A L M E N T E  piccolo G gambe di merlo
osservando il fratellino, dice:
"Guarda che si cucina qui!"
Eccola, l'avevo pensata e creata come una mini-cucina comoda e trasportabile,
ma finora incompresa...
o, forse, pluricompresa, meglio compresa, sovracompresa...
insomma: W il pensiero laterale!



E W i giochi fai da te, W il feltro...

domenica 9 ottobre 2011

Il saggio gufo

Certo una laurea non è sinonimo di saggezza per forza,
ma uno ci spera sempre...
Ecco allora una minuscola ideuzza
per una decorazione da festa di laurea.
L'animale simbolo della saggezza per eccellenza
(ma con uno sguardo un po' così,
per non prendersi troppo sul serio)
con il cappello pronto da lanciare.


Il tutto naturalmente appollaiato sopra la mia passione del momento http://xgioco.blogspot.com/2011/09/my-first-cupcake.html http://xgioco.blogspot.com/2011/10/and-my-second-third-fourth-cupcake.html
Bastano cartoncini colorati e una sagoma semplice da ritagliare, uno stuzzicadente e un po' di colla... FATTO?
Tocco finale il nastro da regalo rosso!

mercoledì 5 ottobre 2011

...and my second , third, fourth... cupcake!

Eh sì, perchè poi ci ho preso gusto e come mi succede spesso, ci ho riprovato subito subito!
E volete sapere il mio secondo peggior difetto in cucina? (Il primo l'avete scoperto qui http://xgioco.blogspot.com/2011/09/my-first-cupcake.html )
Ebbene, la seconda volta che provo a cucinare qualcosa di nuovo, non seguo già più la ricetta, ed ecco, incombente, l'errore!
Ho messo il latte troppo presto e i cupcake sono risultati appena appena meno morbidi.
Ma qualcuno non ci ha neanche fatto caso!


In questi cupcake ho usato la ricetta base ma senza cacao http://xgioco.blogspot.com/2011/09/my-first-cupcake.html poi ho aggiunto essenza di vaniglia.
In alcuni ho messo anche gocce di cioccolato fondente,
in altri un ripieno di crema di marroni (slurp slurp, da provare!).
Sopra ho decorato con il solito caramello e zuccherini,
oppure con crema di marroni mescolata a ricotta freschissima (una bomba, vi assicuro!).


Ho qualche festicciola in previsione, quindi "ai prossimi modelli" (collezione autunno-inverno 2011-2012)